Just in Time | Sacro e profano in Dantemag
Società di Comunicazione d'Inpresa, Ufficio Stampa, Web Marketing, Organizzazione Eventi e Stand Fieristici
Comunicazione, Ufficio Stampa, Organizzazione Eventi, Stand Fiera
6701
single,single-post,postid-6701,single-format-standard,mkd-core-1.0.2,ajax_leftright,page_not_loaded,,onyx-ver-1.5, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.2,vc_responsive
 

Sacro e profano in Dantemag

dante

Sacro e profano in Dantemag

L’ultima copertina di Dante, la rivista patinata  Inglese readatta a Londra ,  ironizza  sull’idea di Sacro e  Profano. “ Volevamo spingerci oltre al concetto  creato dal sociologo francese  Emile Durkheim -afferma il direttore della rivista di origini  Veneto-Friulane  Massimo Gava –  adattando un pensiero tutto italiano come  l’ abito non fa il monaco,  che nella lingua inglese non esiste, ma  usano un altro eufemismo come (don’t judge a book by its cover), non giudicare un libro dalla sua copertina. Noi abbiamo comunque fatto valere  il nostro concetto su quello inglese  mettendo come titolo come  “Don’t judge a monk by his cover “ . La  foto di copertina poi evoca il resto, ed e’ stata  molto apprezzata nel Regno Unito, perche’ gioca sulla mentalità del Natale dove dobbiamo essere tutti più bravi e più buoni, basta che compriamo questo e quello.  Inoltre siamo stati felici di riportare all’ interno dell’ istituzione ecclesiastica i barboni, dopo che per ragioni di sicurezza e decoro sono stati allontanati da San Pietro.

 

In questo numero anticipiamo quelli che saranno i fashion  trends parlando in esclusiva con il capo di un’ agenzia che fa ogni anno uno studio per le diverse case di moda. Ci sono inoltre molti approfondimenti di cultura ,business, politica, e tutto quello che riguarda la cura e il benessere. Un’edizione perfetta per chiunque voglia divertirsi in buona compagnia grazie ad una redazione di giornalisti che lavorano con gruppi editoriali come  Al Jeesera, Cnn, Bbc, Nbc, Televisa Sunday express ecc, ma che esprimono in Dante  le loro opinioni in maniera libera ed alternativa.